DICEMBRE
DOMENICA
16
S. Adelaide, S. Albina

Festa Giubilei

12/06/2016

Domenica 29 maggio abbiamo celebrato in Casa Ispettoriale la Festa dei Giubilei di Professione. Avevamo ricevuto l’invito personale e caldo di Madre Ispettrice e, con gioia, alle ore 9.30 eravamo a Padova “Maria Ausiliatrice”, accolte con affetto dalle Sorelle!

Eravamo un bel numero: 1 del 70°, 16 del 60° (le più numerose), 10 del 50° e 1 del 25° (venuta per la festa dall’Auxilium). Eravamo felici di rivederci, qualcuna con il bastone o con il deambulatore, ma tutte autosufficienti. Noi del 60° abbiamo ricordato gli altri giubilei: il 25° a Venezia Alberoni, il 40° a Torino, Mornese e Colle Don Bosco (perché temevamo di non arrivare al 50°; infatti alcune sono andate in Paradiso), il 50° a Padova “Don Bosco”.

Sr Palmira ci ha dato il Benvenuto e ci ha invitate a ringraziare il Signore, a ricordare il momento della chiamata e  altri  particolari momenti vissuti in intima comunione con Lui. Poi ci ha distribuito i doni: un bel quadretto di Maria Ausiliatrice e la benedizione di Papa Francesco. La sua lettera di augurio a nome di tutte le Sorelle dell’Ispettoria, riporta un passaggio della Circolare n. 960 della Madre: «La gioia della chiamata si traduce nella fedeltà a Gesù ogni giorno, anche quando il mistero del suo amore supera la nostra capacità di comprenderlo». Dopo aver accolto con gioia i doni, siamo scese in Chiesa per la Celebrazione Eucaristica entrando professionalmente con il canto “Chiesa di Dio, popolo in festa”.

All’omelia l’Ispettore Don Roberto dal Molin che ha presieduto la S. Messa, ci ha detto che era particolarmente significativo e bello celebrare i nostri giubilei nella festa del Corpus Domini, per ringraziare il Signore dei due grandi doni che ci ha fatto: l’Eucaristia e la chiamata alla vita religiosa salesiana. Dopo la rinnovazione delle promesse battesimali, sono seguita la rinnovazione dei voti, in cui ciascuna ha pronunciato il suo nome, la preghiera dei fedeli in cui abbiamo ricordato tutti, e l’offerta dei doni: il pane, il vino e le Costituzioni. Dopo la comunione eucaristica, particolarmente sentita e piena di gratitudine, abbiamo posato per le foto.

Poi, in festosa convivialità, abbiamo gustato un ottimo pranzo preparato e servito con tanta cura. Nel pomeriggio, ogni gruppo si è ritrovato con le proprie compagne per scambiarsi i piccoli doni e ricordare alcuni momenti simpatici degli anni di formazione. Non abbiamo fatto memoria anche delle Sorelle che sono già in Paradiso, particolarmente le ultime: Suor Maria Mazzier, Suor Giannina Bergamasco e Suor Maria Tretti.

Nel breve ma intenso ‘momento mariano’ con cui abbiamo concluso la bella festa, abbiamo affidato tutto e tutti a Maria, in particolare la nostra vita di fedeltà, quella delle nostre Sorelle e delle giovani in formazione.

Ringraziamo di cuore l’Ispettrice Suor Palmira e le Consigliere, insieme alle Sorelle dell’Istituto “Maria Ausiliatrice” che, in modi diversi, hanno contribuito a farci sentire in famiglia in questa bella ‘rimpatriata’ tanto attesa e gradita.

                                                                                                                   Sr Maria Fiore Cecada