DICEMBRE
LUNEDI'
17
S. Olimpia, S. Lazzaro

La Mission

«Don Bosco né anacoreta né formatore di anacoreti, è costruttore di giovani santi. Egli definisce l'educatore come "un individuo consacrato al bene dei suoi allievi" che perciò deve essere pronto ad affrontare ogni disturbo, ogni fatica per conseguire il suo fine, che è la civile, morale, scientifica educazione dei suoi allievi» (P. Braido).


Don Bosco e Maria Mazzarello hanno consacrato tutta  la loro vita a Dio servendolo con un amore forte e appassionato nei giovani e nelle giovani del loro tempo. Accogliendo le attese e la voglia di vivere delle ragazze e dei ragazzi che hanno incontrato, hanno saputo rendere vivo e attraente il Vangelo.
Seguendo il loro esempio, noi Figlie di Maria Ausiliatrice cerchiamo di rispondere ai diversi appelli di povertà e di disagio che ci giungono dai giovani nei luoghi in cui ci troviamo e li accompagniamo in cammini di crescita umana e spirituale, cercando  di risvegliare nel loro cuore il  senso di Dio e di condurli sulle strade che portano a Lui. Da Don Bosco abbiamo ereditato il compito di formare giovani capaci di vivere da“ buoni cristiani e onesti cittadini.”


Esprimiamo il nostro carisma educativo in vari ambienti e attività:
•    Scuole di vario ordine e grado
•    Centri di Formazione professionale
•    Pensionati universitari
•    Oratori – Centri giovanili
•    Case famiglia, comunità alloggio, centri di accoglienza
•    Centri di promozione femminile
•    Centri di accoglienza per gli immigrati

Noi FMA dell’Ispettoria Triveneta lavoriamo nelle scuole e nei centri di formazione professionale, collaboriamo nelle parrocchie e negli oratori, siamo presenti in una casa famiglia e in tre pensionati universitari.
L’azione pastorale della nostra Ispettoria si svolge in collaborazione con i confratelli Salesiani. Il Movimento Giovanile Salesiano viene animato insieme da FMA e SDB per quanto riguarda l’animazione pastorale vocazionale, per la preparazione degli animatori, per le proposte estate e le svariate attività pastorali. In tutta l’Ispettoria si cura da anni la formazione della Comunità Educante e si cerca di collaborare con tutti i gruppi della Famiglia Salesiana presenti nel territorio.